domenica 22 agosto 2021

L'energia di Urano

19° passo del percorso di orientamento metafisico

La chiusura mentale e la malizia

dei professori mi hanno insegnato a

diffidare dei potenti e a rifiutare ogni autorità.

A.A. Malinovskij


Con questo passo entriamo nello spazio delle energie che trascendono la realizzazione personale per guidare l'evoluzione collettiva. Tali energie hanno una portata molto più ampia di quella dei pianeti personali e un influsso lento, profondo e inesorabile sullo sviluppo della psiche che sovente fatica a comprenderne spontaneamente gli scopi.

I portatori delle energie di questi pianeti transpersonali spesso si rivelano agli occhi del mondo come degli outsider o semplicemente dei fuoriclasse.

Iniziamo a spron battuto con l'energia di Urano, che completa il novero dei pianeti transpersonali attualmente in moto retrogrado, i quali anche per tutto il prossimo mese lavoreranno nei recessi più remoti e reconditi della psiche umana. 

L'energia di Urano esprime la Mente Superiore, l'intelligenza cosmica che costituisce l'ottava superiore di Mercurio, la mente personale brillante ma limitata dal vassallaggio a stretto contatto con l'energia solare che manifesta l'io cosciente.

L'energia uraniana è geniale, rivoluzionaria e anticonformista in ogni suo aspetto: una scarica elettrica ad alto voltaggio che si manifesta come intuizione folgorante. Chi ne viene colpito non può più tornare indietro: è destinato a dispensare grandi doni all'umanità che comportano un netto cambiamento, sovente per il meglio, in particolare in ambito tecnico. Gli uraniani sono pervasi da un'energia prometeica che li porta ad essere precursori, avanti, spesso di secoli, rispetto alla loro epoca, e hanno come missione innata l'invenzione e l'innovazione di sicuro e ampio interesse per la collettività. 

 


In un mondo fieramente e ferocemente globalizzato che in ogni ambito spinge all'omologazione e al conformismo, troppo spesso mascherato da perbenismo, non è affatto facile la vita degli uraniani che per loro natura non conoscono né paura né egoismo. L'energia uraniana, infatti, è una spinta evolutiva impersonale e del tutto indifferente alle meschine preoccupazioni dei singoli individui su cui spesso fanno leva i regimi oppressivi. Cogliere il Grande Disegno richiede eccellenti capacità uraniane di astrazione, specialmente in frangenti come questi, in cui la storia del genere umano sembra arrestarsi e ripiegarsi su se stessa, complice la memoria troppo labile dei fatti oscuri avvenuti non a caso nel periodo che abbiamo soprannominato il secolo breve.

Per uscire dall'illusione dell'addormentamento di massa ed entrare nello spazio freddamente lucido dell'energia uraniana prepariamoci con una pratica yogica indispensabile, che richiede meno di dieci minuti.



Potrebbe sembrare un paradosso lavorare sul corpo fisico per raggiungere la Mente Superiore, fatta di pura informazione immateriale, ma in verità non si può nemmeno sperare di contattare genuinamente qualsivoglia dimensione superiore dell'essere se il veicolo corporeo è dissestato e sconnesso. Per venire informati bisogna essere in forma, in altre parole, se vuoi sintonizzarti sulla musica delle stelle devi prima sistemare bene la radio, e ovviamente la ricetrasmittente sei tu!

Riallineare i sette chakra principali è un metodo molto efficace per ritrovare calma e lucidità, nonché per liberarsi da malesseri fisici e da preoccupazioni mentali. Entriamo nello specifico, dedicando cinque minuti alla liberazione della mente a tre livelli comunicativi fondamentali (l'io del terzo chakra, il noi del quarto e il voi del quinto) e aprendoci così all'incontro con la coscienza cosmica.



MEDITAZIONE DELL'ENERGIA DI URANO

NOTA BENE: tutte le meditazioni per contattare le energie transpersonali andrebbero svolte all'aperto e a stomaco vuoto, preferibilmente nell'ora immediatamente precedente all'alba (quando il campo elettromagnetico terrestre è più debole e si riscontrano meno interferenze da parte dell'inconscio collettivo).

Se ciò non ti è possibile, un'ora prima della pratica bevi un litro di acqua alcalina (ph 8) addizionata con 2 gocce di olio essenziale di tea tree e 1 goccia di olio essenziale di menta, ed effettua un bagno o una doccia purificante strofinando energicamente la pelle con una miscela esfoliante (2 parti di sale grosso integrale con 2-3 gocce di olio essenziale di lavanda e una parte di acqua), poi, massaggia in senso orario la zona del sesto chakra (tra le sopracciglia) e del settimo chakra (la sommità del cranio) con una goccia di olio essenziale, rispettivamente di mirto e di sandalo.

Infine, giunti a questo punto del percorso diamo per assodato che si cominci la meditazione effettuando qualche ciclo di respirazione profonda per sciogliere ogni tensione fisica e svuotare la mente.


  • Siediti a gambe incrociate, tieni la schiena diritta e inspirando a pieni polmoni (fai rientrare il più possibile il diaframma nella gabbia toracica, allunga verso l'alto la colonna vertebrale e contrai gli addominali) apri i gomiti all'altezza delle spalle, alza le braccia, unisci i palmi delle mani sopra la testa e premili con forza. Tieni gli occhi ben aperti e lo sguardo fisso davanti a te. Trattieni il respiro, non contare, non pensare, cerca semplicemente di scomparire (la tua coscienza personale si fa da parte e svanisce, come se per qualche istante non esistessi).

  • Espira lentamente facendo uscire l'aria dal naso in un unico flusso, poi inspira e ripeti l'intera sequenza per altre sei volte.



  • Chiudi gli occhi e immagina un cielo perfettamente azzurro: senti che tutto il tuo corpo viene pervaso da questa energia celeste tersa e vibrante. Cerca di rimanere immobile e respira a pieni polmoni (come prima). Potresti percepire un leggero formicolio o la sensazione di essere attraversato da una scarica elettrica.

  • Mantieni la sensazione di essere pervaso dall'energia del cielo azzurro il più possibile, poi lascia che il colore ti abbandoni, defluendo completamente all'esterno dalla parte anteriore del tuo corpo.

  • Rimani in ascolto delle sensazioni del tuo corpo, potresti sentire la testa più leggera del solito e una vaga sensazione di euforia.

  • Abbassa le braccia e posa le mani distese sulle ginocchia, con i palmi aperti rivolti verso l'alto e le dita unite che puntano all'esterno.

  • Immagina di avere una gemma azzurra brillante al centro delle sopracciglia: è uno zaffiro luminosissimo che emette vibrazioni di energia. Sintonizzati sulle onde energetiche emesse dalla gemma, lasciando che il tuo corpo ne sia pervaso. Sincronizza il ritmo del tuo respiro con la pulsazione delle onde di energia della gemma azzurra e cerca di amplificarne l'intensità. Sii consapevole che l'energia zaffiro si estende in ogni direzione e si diffonde al ritmo del tuo respiro.

  • Continua a inspirare ed espirare l'energia zaffiro, fluendo con essa, potresti sentire una sensazione di freschezza e di leggerezza che ti porta verso l'alto. Respira e lasciati levitare.

  • Ritorna spontaneamente al tuo ritmo naturale di respiro e apri gli occhi. Sii consapevole che la gemma splende ancora tra le tue sopracciglia: ora è come un radar che scandaglia la realtà alla ricerca di nuove elettrizzanti possibilità.

  • Concludi la meditazione con un sorriso, ringraziando le forze celesti che sostengono le tue idee più brillanti.


L'energia uraniana risuona con il colore del cielo sereno, che corrisponde all'emissione del Primo Raggio o della Volontà. Immergiamoci nell'azzurro pieno dei tersi pomeriggi di fine estate e massaggiamo tutto il corpo con qualche goccia di olio essenziale di eucalipto diluito in un olio vettore nutriente e antirughe (cocco, jojoba, andiroba...). Per ristorare la mente dagli sforzi uraniani, beviamo succo di mela e cannella, un corroborante ottimo anche refrigerato.



L'energia uraniana agisce in cicli di sette anni e apporta cambiamenti radicali: è il periodo impiegato dal corpo per ricambiare completamente le cellule, per cui al termine di ogni ciclo uraniano siamo letteralmente persone nuove e passiamo ad un'ottava differente (ascendente o discendente) che coincide sempre con un nuovo e diverso stato dell'essere. Infatti, l'evoluzione non si ferma mai, ma prende varie direzioni, talvolta divaganti, ma quella di Urano è sempre lucidamente direzionata al raggiungimento di uno scopo superiore. Tipicamente uraniana è l'energia che muove tutti i terapeuti olistici e le medicine alternative in cui si fondono tecnica e innovazione.

Esigenti, intransigenti e avveniristici, indefessi portatori di ciò che è innovativo e diverso, gli uraniani facilmente si sentono incompresi e si ritrovano soli, anche quando sono alla guida di gruppi o comunità. Per riequilibrare i loro stati emozionali vengono in aiuto Impatients e Water Violet, i Fiori di Bach da assumere in particolare quando il genio ribelle che per primo ha rifiutato di conformarsi si sente orfano, ostracizzato dalla compagine umana retrograda, tarda o indifferente.

Mariavittoria


IL LIBRO DEFINITIVO DELLO

HUMAN DESIGN SYSTEM

Nel 1925 Werner Heisenberg si trovava in ritiro a Helgoland, l'isola sacra in mezzo al Mare del Nord, quando ebbe l'intuizione del principio di indeterminazione: aveva ventitré anni e non si era opposto alla ricezione intuitiva di quello che sarebbe stato il fondamento della fisica dei quanti, la scienza che sta dietro e oltre la scienza moderna. Nel 1987 Robert Allan Krakower si trovava già da qualche anno a condurre vita privata a Ibiza, quando una voce gli spiegò lo Human Design System, eclettico e geniale incontro tra scienze antiche e moderne. Sono queste le rivelazioni uraniane dal caratteristico potenziale rivoluzionario per la consapevolezza, che probabilmente giungono a noi grazie alle informazioni trasportate dalle correnti di neutrini generate dalle esplosioni stellari: quando una stella muore propaga la propria coscienza siderale nel cosmo.

Il manuale di Lynda Bunnell e Ra Uru Hu fornisce tutte le informazioni necessarie a comprendere lo Human Design System, La Scienza della Differenziazione, e a traghettarci in una nuova epoca, spiccatamente uraniana, di comprensione e innovazione. Personalmente, trovo la traduzione in italiano decisamente migliorabile, ma il testo è comunque un valido supporto esplicativo, completo, ricco di spunti e di risorse aggiuntive per lo più gratuite e di facile accesso.

Galleggiamo nella densità dell'oceano di neutrini. La vera magia è comprendere quello che stiamo facendo, stiamo trattenendo e leggendo il campo di consapevolezza e stiamo leggendo il campo di consapevolezza nel modo in cui si relaziona unicamente a ciascuno di noi. Il Disegno Umano ci mostra come siamo disegnati per filtrare consapevolezza e che possiamo fornire una guida quando siamo dei filtri corretti. Ogni filtro corretto cambia il modo in cui chiunque altro trova informazioni. Stiamo cambiando la qualità dell'oceano di neutrini.”