venerdì 22 marzo 2024

Storie

 

"Sviluppa il mito che ti appartiene." Rumi.


“La verità?!” replicò la sciamana, dal suo cipiglio a metà tra il perplesso e il divertito intuivo di essere completamente fuori strada. Di nuovo. Tra i suoi apprendisti ero la più preparata, mi diceva a volte, e in qualche modo quel suo commento mi suonava come un rimprovero. Qualunque vero potenziale lei avesse visto in me, rimaneva sepolto, troppo in profondità per risultare di qualche utilità pratica. Sì, ero la più preparata, e la più bloccata.

“Voglio solo che emerga la verità” le avevo detto, cercando di dare voce alla mia sonora frustrazione per l’assurda situazione personale in cui mi trovavo e che mi ero portata come un fardello in quel percorso fuori dal mondo ordinario.

“Che cosa è la verità?” mi domandò, improvvisamente seria, “Ognuno racconta una storia” con la mano seguiva l’andatura irregolare del paesaggio davanti a noi, come a volermi ricordare che tutto è energia in continuo mutamento, “se non ti piace la storia che ti stai raccontando puoi cambiarla, perché è la tua storia, ma non esiste un destino migliore di un altro. Ogni storia ha il suo fine”.

Ogni storia ha il suo fine e tutto accade per un ottimo fine, lo sapevo, pare fossero state le ultime parole di Giordano Bruno prima di essere bruciato sul rogo. Gli eventi che ci accadono si alimentano della nostra energia e in questo senso ci appartengono, dietro ogni evento c’è sempre un motivo che ci riguarda nel profondo. Forse, nella mia ostinata ricerca del trionfo della verità, stavo semplicemente guardando nella direzione sbagliata. Dal punto di vista dell’anima non è mai l’avvenimento in sé, bensì ciò che scegliamo di trarne a fare la differenza. Ogni esperienza ci insegna più di quanto ci tolga e comunque niente può toglierci ciò che ci appartiene veramente. Che cosa mi aveva tolto quella commedia dell’assurdo di cui avevo fatto esperienza negli ultimi anni? Molte cose, ma a ben vedere principalmente l’orgoglio dell’ego, che a suon di false pretese (“perché IO avevo ragione, IO meritavo giustizia, IO, IO, IO…”) adombrava la mia vita, e si era rivelato il più implacabile dei miei persecutori. Finalmente lo vedevo e me ne rendevo conto. Era tempo di cambiare narrazione.

È il filo della narrazione che conduce al fine attraverso la trama della vita. Per questo è molto importante non perdere di vista il senso di quel filo. A volte purtroppo ci si perde dietro alle chimere di false narrazioni, storie altrui o storie dell’ego, che non sono mai storie di potere, bensì sono storie di dolore e di inganno, storie di separazione.

Meditiamo attentamente sulle parole che utilizziamo per definire noi stessi e la nostra esistenza:


Quale è la storia che ti stai raccontando?

È davvero la tua storia?

Stai guardando dal punto di vista dell’anima?

Cosa succederebbe se cambiassi prospettiva?


Le parole sono pietre, possono essere lapidarie, ferire e innalzare muri di separazione, ma possono anche riqualificare, costruire ponti e aprire nuove strade, sta a noi saperle usare per il fine migliore, scegliendo consapevolmente la storia della nostra vita.


Mariavittoria


LEGGERE PER CRESCERE E MEDITARE

EGOLOGIA


Non può esserci autentica ecologia senza consapevolezza. In queste pagine l’autore racconta con disarmante semplicità e franchezza la sua esperienza di rinascita nella libertà dalle trappole dell’ego. Una storia moderna di risveglio.

Noi non siamo la nostra mente e tantomeno il nostro ego, che è una falsa idea di noi stessi. Quando smettiamo di identificarci con la nostra mente e la osserviamo dall’esterno siamo davvero noi stessi, siamo la nostra vera natura di persona e cioè la nostra anima. Quando siamo consapevoli, la nostra mente e il nostro corpo cooperano con la nostra anima nel vivere appieno il momento presente.”

 



giovedì 22 febbraio 2024

Nel segno del Drago

 

"Onorando chi sei, la vita celebra il tuo arrivo."

La luna nuova dello scorso 9 febbraio ha inaugurato l’anno del drago, precisamente, secondo il calendario tradizionale cinese questo sarà l’anno del Drago Verde dell’Est, uno dei potenti guardiani delle quattro direzioni, espressione dell’elemento Legno e quindi delle forze yang primaverili. L’energia del Drago Verde promuove un anno di eventi eclatanti, ma anche di rinascita e rigenerazione, in cui far sbocciare la consapevolezza maturata in profondità. Nello zodiaco cinese, il drago è l’animale più propizio, potente e fortunato, poiché ha saputo tramutare la forza bruta indomita in saggezza illuminata e illuminante. Naturalmente, starà a ciascuno cogliere le opportunità ispirate da questo generoso vento di rinnovamento, per inserirsi favorevolmente nella corrente cosmica dell’esistenza in perpetuo divenire. Come sempre, il transurfing correttamente compreso e praticato potrà essere di grande aiuto per navigare efficacemente nello spazio delle varianti e rimanere sulla cresta dell’onda della fortuna.

Dal punto di vista del viaggio dell’anima, possiamo trarre due grandi lezioni dal comportamento di Giove, i cui transiti sono alla base dell’astrologia cinese ma che astronomicamente è una stella mancata, e nonostante questo continua ad emettere più luce di quanta ne riceva dal Sole, distinguendosi tra i pianeti del nostro sistema e guadagnandosi a buon diritto tra gli antichi sapienti l’appellativo di Fortuna Major. Giove insegna a rimanere aperti e fedeli alla propria massima aspirazione nonostante le circostanze; per dirla con un aforisma, “per diventare, agisci come se”, e questa è la prima grande lezione da imparare per realizzarsi nella vita nonostante le avversità. Non si tratta di fingere o pretendere, bensì di esprimere anche nei fatti la propria autentica vocazione interiore a prescindere dalle avversità che potremmo incontrare. Ciò è possibile, evidentemente, solo manifestando una ferma determinazione, e soprattutto solo quando si hanno le idee ben chiare su quali siano le aspirazioni che siamo chiamati a realizzare in questa vita. Il punto è diventare ciò che siamo, esprimere l’essenza consapevolmente e realizzare così il nostro potenziale evolutivo.

Come voglio realizzarmi?

Come posso manifestarlo adesso?

Conviene meditare su questi interrogativi, lasciando emergere la risposta dal profondo e abbandonando ogni preconcetto, poiché è nell’accordo tra mente e cuore che scaturisce la pura volontà, la forza motrice necessaria per seguire la propria buona stella e compiere il destino che ci è proprio anziché quello preconfezionato assegnato dalla matrice disumana e spersonalizzante che governa il mondo.

Mariavittoria


LEGGERE PER CRESCERE E MEDITARE

REALITY CREATION

di Frederick Dodson

Visto il massiccio uso di armi e strategie di distrazione di massa che si sta facendo contro l’umanità, urge ritornare alla verità della propria essenza: che cosa sei venuto a realizzare in questa vita? Che cosa vuoi manifestare ed esprimere? Frederick Dodson ci riporta a questa verità essenziale, accompagnandoci con il suo linguaggio chiaro e schietto nella pratica della tecnica di creazione della realtà, l’applicazione più immediata del classico transurfing nello spazio delle varianti. Affinché il sogno in cui viviamo sia proprio il nostro e non quello distopico di qualcun altro.

Reality Creation è stata ideata per chi cerca un metodo completo, pratico ma anche mistico, finalizzato alla prosperità così come alla pace interiore… Quanta concentrazione sia necessaria per creare una nuova realtà dipende dal livello di energia col quale fai esperienza del mondo.”

 



lunedì 22 gennaio 2024

2024: l'anno del raccolto

 

 

Portale 61: La verità interiore - la porta del mistero.

"La verità non è qualcosa da cercare all'esterno, è qualcosa all'interno da rivelare." Osho

La numerologia ci indica che in essenza questo bisestile 2024 sarà l’anno del raccolto, non a caso i cittadini di molti stati del mondo, dall’Asia all’America passando per l’Europa, saranno chiamati alle urne per esprimere le proprie preferenze elettorali attraverso il voto, ultimo baluardo di democrazia.

Si raccoglie ciò che si semina, questa è la Legge universale sulla quale conviene riflettere; e allora iniziamo il nuovo anno considerando un breve testo di saggezza nordica su cui meditare e praticare:


Trova il tempo per riflettere, è la fonte della forza.

Trova il tempo per giocare, è il segreto della giovinezza.

Trova il tempo per leggere, è la base della saggezza.

Trova il tempo per essere gentile, è la strada della felicità.

Trova il tempo per sognare, è il segreto che porta alle stelle.

Trova il tempo per amare, è la vera gioia della vita.

Trova il tempo per essere felice, è la musica dell’anima.

(Antica ballata irlandese)


La meditazione, in quanto stato di coscienza pienamente consapevole, è la via e la meta. Le risposte giuste sorgono dalla quiete interiore, provengono dall’anima, e anche la vera felicità che non si infrange contro le circostanze della vita.

Mariavittoria


LEGGERE PER CRESCERE E MEDITARE


MEDITAZIONE GIORNALIERA IN 5 MINUTI

di Sah D’Simone


Uscire dall’insensata frenesia e dalla vuota superficialità del mondo, per ritrovare saggezza, lucidità e calma è possibile: l’autore di questo libro ci ricorda che bastano cinque minuti e la ferma risoluzione di praticare ogni giorno per sciogliere le trame dell’illusione, e ci offre come guida pagine coloratissime di riflessioni luminose, scaturite dalla sua esperienza di profonda trasformazione personale. Meditare, infatti, equivale a saper vivere consapevolmente, e la consapevolezza è tutto ciò che certamente rimarrà di noi. Affinché questa nostra traccia immortale sia pura luce, occorre praticare e assumersi la piena responsabilità della propria esistenza.

Prenditi la responsabilità. A volte ci comportiamo diversamente da come vorremmo. Poi, quando le scelte che abbiamo fatto ci rendono infelici, incolpiamo la vita e gli altri per la situazione in cui ci troviamo. E se invece ti prendessi personalmente la responsabilità del tuo percorso di vita e smettessi di dare la colpa al mondo se non ti piace come stanno andando le cose? Impegnati e fai del tuo meglio per assumere questa prospettiva. Se ti accorgi che stai deragliando e hai ripreso a dare la colpa agli altri e alle situazioni, perdonati e ricomincia da capo, più e più volte, tutte le volte che è necessario.

I pensieri sono prevedibili. I pensieri si pensano da soli, senza bisogno che tu faccia nulla. Dunque, mettiti comodo e osservali mentre si svolgono.”