lunedì 27 maggio 2024

L'energia lunare

 

 

"Fondendo il mondo qui dentro con il mondo là fuori, si rivela il tuo destino."

 

La Luna è l’unico satellite naturale della Terra, riflette la luce del Sole e ha un influsso su tutti i liquidi del nostro pianeta, con effetti diretti (le maree, il ciclo mestruale femminile, i cicli di fertilità degli animali, il periodo vegetativo dei semi…) o indiretti come terremoti ed eruzioni vulcaniche causate dai sommovimenti del magma e dei fluidi sotterranei.

L’energia lunare, ricordiamo, è un riflesso di quella solare e segue una ciclicità più rapida e accentuata rispetto a quella della nostro astro diurno. Poiché l’acqua e più in generale i fluidi come il sangue e la linfa, sono la base della vita organica, conviene conoscere e comprendere l’effetto delle fasi lunari, per accordarsi con i ritmi biologici naturali. Consideriamoli brevemente, tenendo presente che anche il segno (costellazione della fascia zodiacale in cui apparentemente il pianeta astrologico rimane per due o tre giorni) in cui si trova la Luna durante i circa ventotto giorni che impiega a ruotare attorno alla Terra incide sull’influsso dell’energia lunare di quella fase.

LUNA NUOVA: la Luna si trova tra la Terra e il Sole e nel cielo è invisibile, è una fase di due o tre giorni (si verifica tredici volte in un anno solare) in cui rimane nella stessa costellazione in cui si trova l’astro diurno. È la fase di inspirazione della Terra, in cui la capacità di smaltimento degli organismi è al massimo, è quindi ideale per digiunare e disintossicarsi, potare alberi malati, liberarsi di tutto ciò che è vecchio e obsoleto.

LUNA CRESCENTE: dopo la Luna Nuova l’energia lunare comincia gradualmente a salire, ci sarà un Primo Quarto all’incirca dopo una settimana ad indicare che la fase di espansione, crescita verso l’alto, forza e vitalità è in piena attività e continua ad aumentare. Ideale per cure tonificanti e tutte quelle attività in cui sia importante assimilare (concimare il terreno, assumere integratori, somministrare una cura ricostituente).

LUNA PIENA: la Luna si trova dietro alla Terra che espira, irradiata dal massimo della sua luminosità riflessa; questa fase segna il picco di energia mensile, dato dal connubio tra l’irradiazione solare diurna e quella lunare notturna (nel segno opposto). È un periodo in cui tutte le energie vengono accentuate, specialmente quelle emotive, per cui bisogna fare attenzione a governare gli impulsi irrazionali, l’emotività, la suscettibilità, ma è anche il momento migliore per raccogliere le erbe medicinali e in cui con maggiore probabilità avvengono i parti.

LUNA CALANTE: l’energia lunare comincia a diminuire, dopo circa sette giorni, all’Ultimo Quarto, sarà calante e favorevole a numerose attività umane: igiene e pulizie domestiche e del bucato (più efficaci e durature), taglio di unghie e capelli (che ricresceranno lentamente e forti), interventi chirurgici e medicazioni (guariranno meglio), semina e piantagione degli ortaggi che crescono sotto terra (migliore radicamento).

Infine, in base allo Zodiaco, è importante ricordare che esistono Lune ascendenti o “del raccolto” (Capricorno, Acquario, Pesci, Ariete, Toro), poiché riflettono la forza del Sole in aumento, dal solstizio d’inverno al solstizio d’estate, e propiziano l’espansione e la crescita; è il periodo degli ortaggi succosi e della vegetazione. Al contrario le Lune discendenti “o della semina” (Granchio, Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione) riflettono il graduale calo della forza solare, dal solstizio estivo al solstizio invernale, e segnalano il tempo della maturazione, del raccolto, del decadimento, del riposo; è il periodo delle radici. La Luna in Gemelli e in Sagittario si trova all’inversione delle polarità energetiche e assume valenze particolari come “portale di energie cosmiche”.

Da questo breve compendio risulta evidente quanto sia importante conoscere i ritmi lunari per ottenere il massimo risultato da qualsiasi azione svolta in accordo con la natura: una cura dimagrante è destinata a fallire in Luna Crescente, tanto quanto sarà vano attendere la crescita poderosa di piante interrate in Luna Calante.

Ma c’è di più, dal punto di vista esoterico, la Luna governa il corpo emotivo, un corpo sottile intermedio tra il corpo fisico e il corpo mentale, che semplificando molto potremmo definire la componente emozionale della nostra psiche. Conoscere i ritmi e gli influssi dell’energia lunare aiuta a prendere consapevolmente contatto con il corpo emotivo, imparando a conoscerlo e ad orientarlo verso uno sviluppo salutare e un’espressione delle sue istanze vitali indipendente da forze naturali o artefatte che vorrebbero sfruttarne l’enorme potenziale creativo a nostro detrimento.

Mariavittoria


LEGGERE PER CRESCERE E MEDITARE

PRENDI IL GOVERNO DELLA TUA MENTE

di Giulio Achilli

Le persone non solo tendono ad ignorare l’esistenza del corpo emotivo (ovviamente queste nozioni essenziali sull’anatomia e sul funzionamento dell’essere umano non vengono trasmesse dall’educazione/distruzione convenzionale), ma a livello subconscio ne sono pressoché schiave, poiché una mente non disciplinata tende ad assoggettarsi ai desideri, totalmente instabili e velleitari, del corpo astrale inferiore (il corpo emotivo, di cui il II chakra rappresenta il centro energetico principale). Prendere il governo della propria mente non è un percorso né facile né alla portata di chiunque, ma rappresenta il primo autentico passo verso la libertà e la creazione consapevole della propria realtà.

Essere uno schiavo non è in accordo con il Governo della propria Mente. Prendere Autorità in sé stessi significa liberare la mente dalla schiavitù dall’Inferiore, e metterla al servizio del Superiore, ovvero della Creatività, dell’Eccellenza, dello Spirito.”


 

lunedì 22 aprile 2024

Energie cosmiche

 

“Stai con coloro che aiutano il tuo essere.” Lao Tzu

 

Oggi si celebra la giornata internazionale di Madre Terra. Possiamo sensibilizzare, confrontarci e agire, anche proficuamente, sui temi che interessano l’umanità intera (del resto è primavera, tempo di attivarsi), ma senza un’autentica rivoluzione della coscienza i “problemi” rimarranno tali, perpetuandosi in varie forme e misure.

Non c’è soluzione radicale senza evoluzione profonda, e soltanto il contatto con l’anima può fornire risposte realmente sensate e adeguate ad ogni circostanza. È bene ricordarlo in ogni occasione in cui qualcuno o qualcosa cerca di imporsi alla nostra attenzione.

La natura, comunque, segue un altro calendario, ben più antico ed efficace, è quello delle energie cosmiche che si avvicendano nel corso dell’anno, scandendo gli eventi energeticamente più rilevanti per lo sviluppo di tutti gli esseri viventi.

Il ciclo energetico più importante per l’evoluzione terrestre è quello solare. L’irraggiamento solare scandisce i ritmi biologici e animici, ed è talmente essenziale che ogni civiltà ha investito molte risorse per la creazione di sistemi di rilevazione e previsione accurata dei suoi cicli. I calendari che riportano le fasi dei due luminari, Sole e Luna, ovvero dei principali influssi celesti diretti al nostro pianeta, sono ancora strumenti abbastanza attendibili e alla portata di chiunque, purché si sappia come leggerli.

A differenza di quanto si ritiene convenzionalmente, dal punto di vista energetico, solstizi ed equinozi non sanciscono l’inizio delle stagioni, bensì il loro momento culminante, secondo lo schema seguente nell’emisfero settentrionale:

            PRIMAVERA: 1 febbraio – equinozio di primavera (Sole in Ariete) - 30 aprile;

            ESTATE: 1 maggio – solstizio d’estate (Sole in granchio) - 31 luglio;

            AUTUNNO: 1 agosto – equinozio d’autunno (Sole in Bilancia) - 31 ottobre;

            INVERNO: 1 novembre – solstizio d’inverno (Sole in Capricorno) - 31 gennaio;

La fascia dello Zodiaco si configura come un grande orologio che segna l’andamento delle energie cosmiche e che è il caso di consultare per armonizzare la propria vita con i ritmi naturali. Il naturopata saggio, ad esempio, assegna le cure stagionali in base a questi cicli antichi e non convenzionali, ma lo stesso vale per il coltivatore avveduto nella pianificazione dell’attività agricola e per qualsiasi altro essere che operi in accordo con le forze della natura.

Semplificando, il ciclo annuale è il seguente: in primavera l’energia solare che irraggia la Terra comincia ad aumentare di forza e durata, quando il Sole raggiunge il grado 0 dell’Ariete (nuovo inizio, segnalato da un segno marziano e maschile, elemento Fuoco) le ore di luce (Sole-Yang) equivalgono a quelle di oscurità (Luna-Yin) e continueranno ad ampliarsi, fino al solstizio d’estate (Sole al grado 0 del Granchio) momento di massima forza e durata della luce solare, subito dopo però, l’irraggiamento solare comincerà a diminuire (il Granchio è un segno lunare e femminile, elemento Acqua), all’equinozio d’autunno si bilancerà (Sole al grado 0 della Bilancia, segno venusiano ma maschile, elemento Aria) con l’oscurità, per poi raggiungere il punto minimo al grado 0 del Capricorno (segno saturnino ma femminile, elemento Terra).

Più precisamente, la particolare energia del Sole che apparentemente si trova in un certo settore della fascia zodiacale (transito in un segno) raggiunge il suo picco durante il plenilunio, quando cioè all’irraggiamento diretto diurno del Sole si somma l’influsso dell’irraggiamento riflesso notturno della Luna, che ne completa e culmina l’effetto.

Alcuni pleniluni rivestono particolare importanza per l’evoluzione dell’anima. Quello del mese di aprile (Sole in Toro, Luna Piena in Scorpione) è considerato il momento di massima irradiazione delle energie ispiratrici dei Maestri ascesi (Wesak) e particolarmente del Buddha (celebrato nel Vesak).

Siccome quest’anno il Plenilunio in Toro sarà ancora più potente, grazie all’energia della recente congiunzione tra Giove (magnificazione) e Urano (liberazione) proprio in questo segno (il Toro come espressione delle energie corporee, della materia, dei cinque sensi) e in Italia precederà un giorno di festa, sarebbe quantomai opportuno, oltre a stare il più possibile all’aria aperta, dedicare del tempo alla meditazione e al raccoglimento. Ciascuno stabilisca le proprie pratiche e modalità, affinché possa festeggiare una magnifica liberazione innanzitutto interiore.

Mariavittoria


LEGGERE PER CRESCERE E MEDITARE

LE ERBE DEL VECCHIO CHE PARLAVA AL VENTO

di Carlo Signorini

Non si diventa profondi conoscitori delle energie cosmiche, autentici e sinceri guaritori, studiando solamente sui libri, ci vuole molta pratica sotto la guida esperta di un buon maestro. Ma il primo passo per guarire se stessi è aprire la mente alla conoscenza sempiterna. Questo libro racconta l’esperienza diretta di un guaritore italiano, un alchimista delle erbe delle Dolomiti, uno degli ultimi della sua generazione che ancora ci onora della sua presenza in un corpo fisico. Essendo stato scritto con tanto amore per la natura e per l’umanità, può darsi che apra il cuore di chi lo legge all’ascolto della verità, che è sempre limpida e semplice, fresca risanatrice come acqua di sorgente montana. Anche l’occhio vuole la sua parte, e non solo quello interiore: quest’opera è bella sotto ogni aspetto, dal delicato racconto della vita al maso, alle sapienti descrizioni delle virtù delle erbe medicinali, accompagnate da graziose e particolareggiate illustrazioni a colori. Pagine poetiche, sapienti e preziose, sia nei contenuti sia come testimonianza di una dimensione di cura naturale antica, rimasta incontaminata nonostante l’onnipresente minaccia di estinzione.

Il potere occulto delle piante arriva fin oltre i limiti della razionalità, attivando magiche energie inconsce del nostro Microcosmo. Questi poteri sono in natura statici, dormienti, sta alla volontà umana destarli al momento giusto per renderli pronti e attivi. Si può paragonare l’animo umano ad una coppa: prima di tutto è necessario svuotarla, dopodiché potrà essere riempita di nuove magiche energie. Lo svuotamento rimane la parte maggiormente difficile di tutta l’operazione, in quanto la mente umana è troppo attaccata alle abitudini ed ha continuamente bisogno di certezze, teme l’incognito che invece è ricerca e movimento.”

 



venerdì 22 marzo 2024

Storie

 

"Sviluppa il mito che ti appartiene." Rumi.


“La verità?!” replicò la sciamana, dal suo cipiglio a metà tra il perplesso e il divertito intuivo di essere completamente fuori strada. Di nuovo. Tra i suoi apprendisti ero la più preparata, mi diceva a volte, e in qualche modo quel suo commento mi suonava come un rimprovero. Qualunque vero potenziale lei avesse visto in me, rimaneva sepolto, troppo in profondità per risultare di qualche utilità pratica. Sì, ero la più preparata, e la più bloccata.

“Voglio solo che emerga la verità” le avevo detto, cercando di dare voce alla mia sonora frustrazione per l’assurda situazione personale in cui mi trovavo e che mi ero portata come un fardello in quel percorso fuori dal mondo ordinario.

“Che cosa è la verità?” mi domandò, improvvisamente seria, “Ognuno racconta una storia” con la mano seguiva l’andatura irregolare del paesaggio davanti a noi, come a volermi ricordare che tutto è energia in continuo mutamento, “se non ti piace la storia che ti stai raccontando puoi cambiarla, perché è la tua storia, ma non esiste un destino migliore di un altro. Ogni storia ha il suo fine”.

Ogni storia ha il suo fine e tutto accade per un ottimo fine, lo sapevo, pare fossero state le ultime parole di Giordano Bruno prima di essere bruciato sul rogo. Gli eventi che ci accadono si alimentano della nostra energia e in questo senso ci appartengono, dietro ogni evento c’è sempre un motivo che ci riguarda nel profondo. Forse, nella mia ostinata ricerca del trionfo della verità, stavo semplicemente guardando nella direzione sbagliata. Dal punto di vista dell’anima non è mai l’avvenimento in sé, bensì ciò che scegliamo di trarne a fare la differenza. Ogni esperienza ci insegna più di quanto ci tolga e comunque niente può toglierci ciò che ci appartiene veramente. Che cosa mi aveva tolto quella commedia dell’assurdo di cui avevo fatto esperienza negli ultimi anni? Molte cose, ma a ben vedere principalmente l’orgoglio dell’ego, che a suon di false pretese (“perché IO avevo ragione, IO meritavo giustizia, IO, IO, IO…”) adombrava la mia vita, e si era rivelato il più implacabile dei miei persecutori. Finalmente lo vedevo e me ne rendevo conto. Era tempo di cambiare narrazione.

È il filo della narrazione che conduce al fine attraverso la trama della vita. Per questo è molto importante non perdere di vista il senso di quel filo. A volte purtroppo ci si perde dietro alle chimere di false narrazioni, storie altrui o storie dell’ego, che non sono mai storie di potere, bensì sono storie di dolore e di inganno, storie di separazione.

Meditiamo attentamente sulle parole che utilizziamo per definire noi stessi e la nostra esistenza:


Quale è la storia che ti stai raccontando?

È davvero la tua storia?

Stai guardando dal punto di vista dell’anima?

Cosa succederebbe se cambiassi prospettiva?


Le parole sono pietre, possono essere lapidarie, ferire e innalzare muri di separazione, ma possono anche riqualificare, costruire ponti e aprire nuove strade, sta a noi saperle usare per il fine migliore, scegliendo consapevolmente la storia della nostra vita.


Mariavittoria


LEGGERE PER CRESCERE E MEDITARE

EGOLOGIA


Non può esserci autentica ecologia senza consapevolezza. In queste pagine l’autore racconta con disarmante semplicità e franchezza la sua esperienza di rinascita nella libertà dalle trappole dell’ego. Una storia moderna di risveglio.

Noi non siamo la nostra mente e tantomeno il nostro ego, che è una falsa idea di noi stessi. Quando smettiamo di identificarci con la nostra mente e la osserviamo dall’esterno siamo davvero noi stessi, siamo la nostra vera natura di persona e cioè la nostra anima. Quando siamo consapevoli, la nostra mente e il nostro corpo cooperano con la nostra anima nel vivere appieno il momento presente.”

 



giovedì 22 febbraio 2024

Nel segno del Drago

 

"Onorando chi sei, la vita celebra il tuo arrivo."

La luna nuova dello scorso 9 febbraio ha inaugurato l’anno del drago, precisamente, secondo il calendario tradizionale cinese questo sarà l’anno del Drago Verde dell’Est, uno dei potenti guardiani delle quattro direzioni, espressione dell’elemento Legno e quindi delle forze yang primaverili. L’energia del Drago Verde promuove un anno di eventi eclatanti, ma anche di rinascita e rigenerazione, in cui far sbocciare la consapevolezza maturata in profondità. Nello zodiaco cinese, il drago è l’animale più propizio, potente e fortunato, poiché ha saputo tramutare la forza bruta indomita in saggezza illuminata e illuminante. Naturalmente, starà a ciascuno cogliere le opportunità ispirate da questo generoso vento di rinnovamento, per inserirsi favorevolmente nella corrente cosmica dell’esistenza in perpetuo divenire. Come sempre, il transurfing correttamente compreso e praticato potrà essere di grande aiuto per navigare efficacemente nello spazio delle varianti e rimanere sulla cresta dell’onda della fortuna.

Dal punto di vista del viaggio dell’anima, possiamo trarre due grandi lezioni dal comportamento di Giove, i cui transiti sono alla base dell’astrologia cinese ma che astronomicamente è una stella mancata, e nonostante questo continua ad emettere più luce di quanta ne riceva dal Sole, distinguendosi tra i pianeti del nostro sistema e guadagnandosi a buon diritto tra gli antichi sapienti l’appellativo di Fortuna Major. Giove insegna a rimanere aperti e fedeli alla propria massima aspirazione nonostante le circostanze; per dirla con un aforisma, “per diventare, agisci come se”, e questa è la prima grande lezione da imparare per realizzarsi nella vita nonostante le avversità. Non si tratta di fingere o pretendere, bensì di esprimere anche nei fatti la propria autentica vocazione interiore a prescindere dalle avversità che potremmo incontrare. Ciò è possibile, evidentemente, solo manifestando una ferma determinazione, e soprattutto solo quando si hanno le idee ben chiare su quali siano le aspirazioni che siamo chiamati a realizzare in questa vita. Il punto è diventare ciò che siamo, esprimere l’essenza consapevolmente e realizzare così il nostro potenziale evolutivo.

Come voglio realizzarmi?

Come posso manifestarlo adesso?

Conviene meditare su questi interrogativi, lasciando emergere la risposta dal profondo e abbandonando ogni preconcetto, poiché è nell’accordo tra mente e cuore che scaturisce la pura volontà, la forza motrice necessaria per seguire la propria buona stella e compiere il destino che ci è proprio anziché quello preconfezionato assegnato dalla matrice disumana e spersonalizzante che governa il mondo.

Mariavittoria


LEGGERE PER CRESCERE E MEDITARE

REALITY CREATION

di Frederick Dodson

Visto il massiccio uso di armi e strategie di distrazione di massa che si sta facendo contro l’umanità, urge ritornare alla verità della propria essenza: che cosa sei venuto a realizzare in questa vita? Che cosa vuoi manifestare ed esprimere? Frederick Dodson ci riporta a questa verità essenziale, accompagnandoci con il suo linguaggio chiaro e schietto nella pratica della tecnica di creazione della realtà, l’applicazione più immediata del classico transurfing nello spazio delle varianti. Affinché il sogno in cui viviamo sia proprio il nostro e non quello distopico di qualcun altro.

Reality Creation è stata ideata per chi cerca un metodo completo, pratico ma anche mistico, finalizzato alla prosperità così come alla pace interiore… Quanta concentrazione sia necessaria per creare una nuova realtà dipende dal livello di energia col quale fai esperienza del mondo.”

 



lunedì 22 gennaio 2024

2024: l'anno del raccolto

 

 

Portale 61: La verità interiore - la porta del mistero.

"La verità non è qualcosa da cercare all'esterno, è qualcosa all'interno da rivelare." Osho

La numerologia ci indica che in essenza questo bisestile 2024 sarà l’anno del raccolto, non a caso i cittadini di molti stati del mondo, dall’Asia all’America passando per l’Europa, saranno chiamati alle urne per esprimere le proprie preferenze elettorali attraverso il voto, ultimo baluardo di democrazia.

Si raccoglie ciò che si semina, questa è la Legge universale sulla quale conviene riflettere; e allora iniziamo il nuovo anno considerando un breve testo di saggezza nordica su cui meditare e praticare:


Trova il tempo per riflettere, è la fonte della forza.

Trova il tempo per giocare, è il segreto della giovinezza.

Trova il tempo per leggere, è la base della saggezza.

Trova il tempo per essere gentile, è la strada della felicità.

Trova il tempo per sognare, è il segreto che porta alle stelle.

Trova il tempo per amare, è la vera gioia della vita.

Trova il tempo per essere felice, è la musica dell’anima.

(Antica ballata irlandese)


La meditazione, in quanto stato di coscienza pienamente consapevole, è la via e la meta. Le risposte giuste sorgono dalla quiete interiore, provengono dall’anima, e anche la vera felicità che non si infrange contro le circostanze della vita.

Mariavittoria


LEGGERE PER CRESCERE E MEDITARE


MEDITAZIONE GIORNALIERA IN 5 MINUTI

di Sah D’Simone


Uscire dall’insensata frenesia e dalla vuota superficialità del mondo, per ritrovare saggezza, lucidità e calma è possibile: l’autore di questo libro ci ricorda che bastano cinque minuti e la ferma risoluzione di praticare ogni giorno per sciogliere le trame dell’illusione, e ci offre come guida pagine coloratissime di riflessioni luminose, scaturite dalla sua esperienza di profonda trasformazione personale. Meditare, infatti, equivale a saper vivere consapevolmente, e la consapevolezza è tutto ciò che certamente rimarrà di noi. Affinché questa nostra traccia immortale sia pura luce, occorre praticare e assumersi la piena responsabilità della propria esistenza.

Prenditi la responsabilità. A volte ci comportiamo diversamente da come vorremmo. Poi, quando le scelte che abbiamo fatto ci rendono infelici, incolpiamo la vita e gli altri per la situazione in cui ci troviamo. E se invece ti prendessi personalmente la responsabilità del tuo percorso di vita e smettessi di dare la colpa al mondo se non ti piace come stanno andando le cose? Impegnati e fai del tuo meglio per assumere questa prospettiva. Se ti accorgi che stai deragliando e hai ripreso a dare la colpa agli altri e alle situazioni, perdonati e ricomincia da capo, più e più volte, tutte le volte che è necessario.

I pensieri sono prevedibili. I pensieri si pensano da soli, senza bisogno che tu faccia nulla. Dunque, mettiti comodo e osservali mentre si svolgono.”

 


 

domenica 28 maggio 2023

La via di Osho

 Meditare sulle orme dei maestri dell'umanità


L'universo si dirige da qualche parte:

cadete in sintonia con lui, fluite con il fiume.

Non spingete il fiume e non avete altro traguardo

che quello del Tutto.

Osho

 

Bhagwan Shree Rajneesh scelse di essere ricordato con il nome di Osho, derivato dal termine “oceanico” coniato dal filosofo William James, definendosi così come colui che si dissolve nell'oceano dell'esperienza. È passato alla storia come il guru più controverso del '900, capace di ispirare folle oceaniche di seguaci e di scandalizzare le masse, osteggiato in ogni modo e in ogni luogo dai poteri precostituiti, fino al punto di essere incarcerato e avvelenato. Il suo insegnamento attraversa ogni esperienza terrena e rimane un profondo e totale invito al risveglio dell'individuo e un richiamo alla libertà intrinseca nella beatitudine dell'essere.

Accogliere le cose per come sono: impermanenti, transitorie, illusorie. Fluire nella corrente della vita. Questa è la disciplina della trascendenza e chi ha comprensione non necessita di disciplina. Quel che rimane è il silenzio, e nel silenzio l'eternità del momento presente.

La beatitudine è possibile solo in uno stato di libertà totale e incondizionata. Ecco perché in Oriente è chiamata moksha. Moksha significa libertà assoluta. Essere con se stessi è moksha perché ora non sei più dipendente. La tua felicità è semplicemente di tua proprietà, non la prendi a prestito da nessuno e nessuno te la potrà togliere, neppure la morte. Ricorda, la morte ti separa solo dagli altri, non ti separa mai da te stesso.”

(Osho, La disciplina della trascendenza, trad. it. a cura di Swami Anand Videha, Bompiani 2016)


La gioia del silenzio


L'uomo che comprende non necessita di alcuna disciplina. La sua stessa comprensione è la sua disciplina. Voi avete bisogno di una disciplina perché non avete sufficiente comprensione. […] Il vostro agire è l'unica dimostrazione di ciò che conoscete. Solo e unicamente il vostro agire è la prova della vostra conoscenza.”

(Osho, La disciplina della trascendenza, trad. it. a cura di Swami Anand Videha, Bompiani 2016)


La meditazione è l'opposto della concentrazione



MEDITAZIONE GUIDATA DEL SORRISO INTERIORE





LA DISCIPLINA DELLA TRASCENDENZA

(Osho, a cura di Swami Anand Videha, Bompiani 2016)

Le parole di Osho, catturate da centinaia di registrazioni delle lezioni e dei discorsi che teneva ogni giorno, risuonano nel cuore, rompono schemi e condizionamenti atavici e consentono di ritornare sulla via della trascendenza con gioia.

Io non faccio parte di alcun movimento. Il mio operare è qualcosa di eterno che sta accadendo da quando il primo uomo apparve sulla Terra, e continuerà fino all'ultimo uomo. Non è un movimento, è l'essenza stessa dell'evoluzione: io sono parte dell'eterna evoluzione dell'uomo. Cercare la verità non è cosa nuova né vecchia. La ricerca del proprio essere non ha nulla a che fare con il tempo.”


 






domenica 26 marzo 2023

La via di Rumi

Meditare sulle orme dei maestri dell'umanità

Tu sei l'anima, l'universo,

e quello che anima l'universo.

Io vivo e lavoro dentro te.

E parlo attraverso ciò che è rimasto

dalle rovine del precedente sé.

Rumi


Le frasi di Rumi per risvegliare la forza interiore

La via di Jalal ad-Din Rumi consiste nel raggiungimento dell'estasi mistica, l'uscita dalla dimensione ordinaria dello spaziotempo e l'accesso alla dimensione spirituale in cui ogni dualità viene superata e hanno sede i valori e i principi assoluti di cui le forme terrene sono soltanto un'immagine relativa e parziale. Rumi diede origine alla pratica della meditazione in movimento dei dervisci rotanti, i quali roteando incessantemente al ritmo della musica del flauto abbandonano il proprio ego e si elevano verso i mondi superiori; la danza rituale in tondo riproduce il movimento delle sfere celesti e consente il contatto estatico con l'essenza dell'Essere. Tutta la poesia di Rumi, che si annovera tra le massime espressioni della mistica sufi, trasmette l'impressione della dimensione al di là dello spaziotempo e conduce il lettore in uno stato di concentrazione rilassata ed espansiva in cui contemplando intensamente la verità indicata dalle sue parole è possibile cogliere barlumi di rivelazione dell'oltre.


La poesia mistica di Rumi


MUSICA PER MEDITARE SULLA VIA DI RUMI




RUMI: DIALOGO CON L'UNIVERSO

Giuliana Colella, Mediterranee, 2014

“Rumi si rivolge a ogni uomo, ma soprattutto a quanti soffrono intensamente per il desiderio di liberarsi delle loro catene, di uscire dalla prigione e di ricongiungersi con l'amico del loro cuore. Nel Mathnawi, Rumi illustra questa fase del processo di risveglio dell'anima con la Storia di una persona che bussò alla porta d'un amico. L'amico dall'interno gli chiese chi fosse, egli disse: “Sono io” e l'amico rispose: “Poiché tu sei tu, non aprirò la porta: non conosco nessun amico che sia 'Io'.”

Includendo istruzioni pratiche sulle tecniche meditative utilizzate da Rumi e un CD con due tracce di gong per intonare correttamente il suono HU, questo libro non ripercorre solamente la storia del grande poeta mistico persiano, bensì la integra con il messaggio universale della poesia mistica medievale, specialmente attraverso gli scritti di Dante, ma anche delle grandi correnti sapienziali occidentali (Platone) e orientali (lo Zen, la Eckankar) in accordo con le recenti scoperte della fisica e della cosmologia quantistica, e restituisce un quadro d'insieme complesso e approfondito dell'ambiente, della visione e delle pratiche degli adepti della contemplazione estatica danzante.